Uno scenico fenomeno meteorologico, a Chicago.

Al momento del tramonto il 30 agosto scorso la natura ha messo in scena uno spettacolo fuori dal comune e molto scenografico, a Chicago.

Ha iniziato ha soffiare un forte vento, il cielo si è oscurato e una grossa nuvola a forma di rotolone ha iniziato a spostarsi minacciosa lungo il litorale di un lago.

In quel momento era presente un fotografo che ha realizzato un video di 5 secondi  e ha ripreso questo evento naturale che a chi era sul fatto di certo ha destato inquietudine.

I meteorologi hanno spiegato poi che si è trattato di un fenomeno chiamato roll cloud .

Si tratta di una nube bassa, orizzontale, di forma cilindrica, simile ad un tubo o un rotolo, come si evince dal nome, ed arrotolata attorno ad un immaginario asse orizzontale.

La roll cloud è staccata dalla perturbazione, è più bassa della base del temporale e si estende anche per decine di chilometri. Pur distaccandosi del tutto dalle altre nubi, ne segue comunque la traiettoria.

Generalmente non causa precipitazioni ma comporta un aumento del vento.

Si muove come un’onda solitaria, senza cambiare velocità o forma, ed è tenuta  bassa, nella maggior parte dei casi, dalla gran quantità di vapore acqueo che è presente alle altezze degli strati a cui si genera e si sposta.

La nube arrotolata si forma in maniera del tutto naturale lungo un gust front, ossia il fronte di aria fredda che le nubi di una perturbazione temporalesca scagliano verso il suolo, dove la corrente calda e umida proveniente dal basso, incontra l’aria fredda spinta verso il basso.

E a far arrotolare la nube su se stessa è il wind shear, ossia la variazione della velocità del vento e della sua direzione che può portare le correnti suddette al “rolling” lungo un asse orizzontale.

Una zona nella quale fenomeni nuvolaioli – ! –  scenografici si verificano con una certa frequenza è l’Australia, dove si forma uno dei tipi di nuvole più famose del mondo: la Morning Glory cloud . Nel Queensland nel mese di ottobre, la Morning Glory cloud può imperversare fino a quattro volte nel giro di dieci giorni.

Se vuoi saperne di più su roll clouds—  guarda su Wikipedia (via@kingartcollective).

Fonte Parziale: Colossal.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *